di Marco Spagnuolo

Un’ecologia politica oltre la dicotomia giustizialismo/buonismo

Che stia succedendo un gran casino, non penso che ci sia qualcuno disposto a negarlo. E il casino (uso qui questo termine, ché “caos” ha una sua pregnanza anche positiva) è alimentato da un certo moralismo anche e soprattutto da sinistra. Da quella sinistra che, parafrasando De André, «non potendo più dare il cattivo esempio, si sente come Gesù nel tempio». Ma, dopotutto, non è stato proprio De André, a suo tempo, a fornirci con questi versi la migliore sintesi di “moralista”?La morale post-moderna: il giustizialista e il buonista Attualmente, da un punto di vista etico, possiamo rintracciare due personaggi concettuali[1] centrali nella vita pubblica e istituzionale italiana: il giustizialista e il buonista. Prima di iniziare a declinare quel che, a mio avviso, esprimono questi due personaggi concettuali, mi permetto una precisazione. Ovvero, che la declinazione al maschile di entrambi non è né una svista né un rigurgito personale di sessismo; ma che essa esprime …

]]>

Share