di Christian Peverieri

Sta rottura de cojoni degli zapaturisti

I ribelli delle montagne del Chiapas li chiamano zapaturisti e non è difficile capirne il motivo. Lo zapaturista è colui che arriva nelle comunità zapatiste in resistenza con l’unico scopo di fotografare murales e sorrisi dei bambini per poi raccontare al ritorno che ha fatto la rivoluzione assieme al Subcomandante Marcos. Di più, lo zapaturista non è minimamente interessato all’esperienza rivoluzionaria degli indigeni ed è capace di giudicare ogni singolo aspetto di questa esperienza senza tener assolutamente conto della storia, della cultura e della geografia, di chi ha di fronte. È il suo punto di vista quello che conta e se ciò che vede e capisce si discosta da quanto pensa, non è in grado di comprenderne le differenze. Infine, gli zapaturisti, sono d’intralcio alle comunità perché obbligano i responsabili dell’accoglienza a perdere tempo dietro a questi personaggi con un ego smisurato e a far si che non facciano danni o manchino di rispetto ai membri della …

]]>

Share